05 Mar 2014

I mercatini: una vera e propria mania dalla passione tutta Italiana


Se siete degli amanti dei mercatini e volete conoscere gli stand che espongono nelle varie città o nei borghi d’Italia, questo articolo fa proprio al caso vostro. Abiti usati, cibi particolari e tipici, oggettini e curiosità da tutto il mondo da esplorare. Passatempo, hobby, passione; quella dei mercatini è una vera e propria mania soprattutto tra gli appassionati di un genere o di un altro. Amanti dell’abbigliamento retrò o casual a basso costo, dell’antiquariato, dei prodotti culinari tipici dalle varie terre d’Italia e così via.

Da nord a sud, il mercato con la sua vivacità, le urla dei venditori ed i colori dei prodotti esposti, rappresenta uno dei modi migliori per visitare e conoscere la cultura di una città. I più famosi si trovano a Roma, Firenze, Venezia, Palermo, ma ogni città ha il suo, preparatevi quindi a scoprire la storia di alcuni dei mercati Italiani più famosi al mondo.

Il mercato è da sempre il luogo per eccellenza dove si intrecciano vite e storie degli abitanti di ogni città. Ogni popolo affida al suo mercato non solo l’arte dello scambio, ma soprattutto le proprie tradizioni, i propri valori. In Italia esistono molti mercati storici, tappa fondamentale per il turista che vuole conoscere appieno l’essenza della nostra cultura.

 

Palermo - Ballarò

E’ il principale tra i mercati storici palermitani, molto frequentato dai cittadini, possiamo definirlo senza dubbio il più caratteristico.

Un mercato vecchio quasi 1000 anni. A Ballarò sarete attirati dai venditori che richiamano a sé l’attenzione con le caratteristiche urla “abbaniate”, con le quali vi offriranno le migliori primizie della campagna siciliana.

VI affascineràanche l’atmosfera autentica che si respira qui dentro. Il mercato alimentare di Ballarò, che si trova a Palazzo Reale, è aperto tutti i giorni, eccetto la Domenica.

 

Bologna – Mercato di Mezzo

È un mercato prettamente alimentare, ma si possono anche trovare dei bellissimi banchi di fiori e piante, e divertenti negozietti di casalinghi. Una delle stradine più caratteristiche è via delle Pescherie.

Bologna vanta diversi mercati storici, quello di Mezzo, il più conosciuto, si trova proprio nel cuore della città. Le stradine che formano il cosiddetto Quadrilatero, nel quale si sviluppa il Mercato di Mezzo, hanno nomi eloquenti, che ricordano le antiche attività commerciali che vi erano esercitate.

Visitare oggi il mercato è immergersi nei colori e nei sapori della rinomata tradizione culinaria bolognese, nella suggestiva cornice dei palazzi medievali.

 

Genova – Mercato Orientale

L'originalità della collocazione architettonica nel chiostro, l'ampiezza, la ricchezza e la specializzazione delle merci trattate, "l'infiorata" apertura su Via XX Settembre, nonché la posizione situata strategicamente al crocevia d'importanti arterie commerciali, rendono l' Orientale un mercato assolutamente unico, il più importante e frequentato della città , sia dai Genovesi che da turisti italiani ed esteri.

La sede del mercato coperto di Genova vi sembrerà singolare: il palazzo che lo ospita era infatti nato come convento. Chi vuole visitare il mercato Orientale, sarà accolto dai banchi dei fiorai ai cancelli d’ingresso, mentre all’interno potrà trovare ogni tipo di delizia gastronomica.

 

Roma – Campo de’ Fiori

E’ uno dei mercati più colorati di Roma ed è collocato nell’omonima stupenda piazza con i fornitori che vendono prodotti alimentari di ogni tipo.

Campo de’ Fiori è tristemente noto per le esecuzioni capitali che qui avvenivano, ma sicuramente il nome della piazza si deve al fatto che in passato, qui si trovava un prato con alcuni orti.

Due facce di una stessa medaglia, di giorno sede di un mercato, di notte punto nevralgico della movida Romana.

 

 Firenze – Mercato Nuovo

Loggia del Porcellino è il nome popolare della loggia del Mercato Nuovo a Firenze, così chiamata per distinguerla da quella del Mercato Vecchio, situato nella zona dove oggi sorge piazza della Repubblica, ed è sede di uno dei più vivaci mercati fiorentini, nel cuore della città.

I turisti possono fare qui i loro acquisti, non senza aver prima donato una monetina al “Porcellino” di bronzo, come augurio di buona fortuna.

 

 

 

Napoli – San Gregorio Armeno

Non si tratta di un mercato tradizionale, ma la sua fama lo rende uno dei luoghi più visitati di Napoli.

Via San Gregorio Armeno è la celebre strada degli artigiani del presepe, famosa in tutto il mondo per le innumerevoli botteghe artigiane dedicate all’arte presepiale.

La via e le botteghe possono essere visitate durante tutto l’anno ed il visitatore è così ricondotto ogni volta alla magica atmosfera natalizia.

Per ogni famiglia napoletana, il Natale a Napoli è anche una visita “a San Gregorio Armeno”: una tappa obbligatoria prima di intraprendere la costruzione o l’ampliamento del proprio presepe.

 

Torino – Porta Pila

Porta Pila, nome con cui viene identificato il mercato di Porta Palazzo, il mercato all’aperto più grande d’Europa.

Un luogo dove fare la spesa, fare acquisti convenienti, ma anche un grande crogiolo di culture e di tradizioni che qui arrivano da tutto il mondo. Vicinissimo a Porta Pila, ogni sabato si svolge il mercatino delle pulci, detto il Balon dal nome della Borgata del Pallone che lo ospita.

 

FRANCESCO C. by KissItaly


comments powered by Disqus

© KissItaly 2014 - info@kissitaly.com