19 Mar 2014

Agrigento: la splendida Valle dei Templi e non solo


Agrigento è nota soprattutto per la sua splendida Valle dei Templi, grandiosa testimonianza dell’antica Magna Grecia, che fa spesso ombra alle altre numerose bellezze e testimonianze artistiche, fra chiese, architetture religiose e musei.

Il punto di partenza di questo nostro tour virtuale è Il centro storico della città di Pirandello, pieno di testimonianze artistiche, fra architetture religiose, chiese, abbazie e monasteri; che merita di essere visitato a sé, e non solo come antipasto del prelibato menu a base di templi greci.

 

Tante sono le costruzioni religiose che si trovano all'interno di questa città Siciliana: si va dalla chiesa dell'Addolorata famosa per i suoi sotterranei dove si trovano le Cripte dell'Addolorata alla chiesa di San Francesco di Paola, con le sue due torri campanarie; dalla barocca chiesa di San Giuseppe, con due campanili e un'unica navata interna alla altrettanto barocca chiesa di San Domenico.

E ancora, la Chiesa dell'Itria, dove si celebrava il rito greco-albanese; la chiesa del Purgatorio o di San Lorenzo, in stile barocco, con le sue molte stature, la Basilica dell'Immacolata Concezione con al suo interno alcune tombe marmoree di ecclesiasti e nobili; la Chiesa di San Nicola che ospita il crocifisso ligneo di cui si parla nella novella di Pirandello, Il Signore della Nave. Da non dimenticare poi il Duomo, oggi conosciuto come Cattedrale di San Geraldo, patrono della città, da non perdere il campanile con i motivi gotici e catalani e la balconata arabo-normanna. Ma queste sono solo alcune basiliche e chiese, nell'incredibile mare magnum di costruzioni religiose che la città di Agrigento presenta: oltre ad ammirarne l'architettura è opportuno visitare il patrimonio artistico religioso di grande valore conservato all'interno di ognuna di queste.

Una visita ad Agrigento non si può non accompagnare a una visita alla casa natale di Pirandello, dove il letterato nacque nel 1867. Molto belle e significative le immagini conservate all'interno della casa mentre riceve il Premio Nobel, nel 1934.

 

Musei

Anche i musei di Agrigento sono degni di nota. Tra tutti spicca il Museo Archeologico Regionale di Agrigento, il più visitato di tutta la Sicilia: consente di fare un viaggio tra storia, arte e etnografia della regione. Da non perdere anche il Museo Civico, situato in Piazza del Municipio, dove sono conservate alcune sculture medioevali e rinascimentali e alcuni quadri di grande valore artistico.

 

La valle dei templi

 

Sebbene il centro storico di Agrigento abbia moltissimo da offrire è pur vero che gran parte della bellezza di questa città è collegata al fatto che si affaccia sulla affascinante Valle dei Templi, che altro non è che le rovine dell'antica Akragas, ovvero Agrigento per i greci. Situata a sud est rispetto all'attuale Agrigento questa valle permette di rivivere la prosperità e la maestosità della Magna Grecia: qui i greci realizzarono una serie di templi dorici, di alcuni di questi ne rimangono solo pochi resti, tuttavia la loro vista lascia ogni turista senza parole. Tantissime sono le attrazioni in questa città, tra le principali si ricordano:

 

Tempio della Concordia

 

E' il più imponente e uno dei templi meglio conservati, il tempio della Concordia è in stile dorico e ricorda il Partenone di Atene. E' ricordato per la sua "illusione ottica" che lo fa sembrare più alto e che accresce, di conseguenza, la sua maestosità.

 

Tempio di Zeus

Fatto a sette colonne, a differenza degli altri a sei, il Tempio di Zeus è uno dei templi dal progetto più grande, lungo 113 metri e largo 36: tuttavia non fu mai completato. Venne eretto per celebrare la vittoria dei Cartaginesi, oggi di questo tempio rimangono solo pochi resti. Accanto a questo si trova il Talamone, di 8 metri d'altezza.

 

Relax in città

Agrigento permette anche agli amanti del mare di concedersi anche un po’ di relax in uno dei lidi più blasonato della città: San Leone, situato ai piedi della Valle dei templi. D'estate questo lido è sempre preso d'assalto da moltissimi villeggianti. Un'altra tappa d'obbligo nella provincia di Agrigento è quella di Porto Empedocle, dove sono nati sia Pirandello che lo scrittore contemporaneo Andrea Camilleri: in questa cittadina marinara si trovano le rovine di una antica villa Romana.

 

FRANCESCO C. by KissItaly


comments powered by Disqus

© KissItaly 2014 - info@kissitaly.com